Ciao Addicted,

questo post è ad alto contenuto di bellezza…. vi mostro la Palette Prism di Anastasia Beverly Hills!

Per il mio compleanno (che è stato a luglio) volevo regalarmi una palette di ABH, così mi sono messa a spulciare il web per scegliere quella che facesse al caso mio. Alla fine l’indecisione è ricaduta tra la Subculture e la Prism. Dopo aver visto vari video e letto molti articoli, mi sono convinta che la Prism fosse perfetta per le mie esigenze e più sfruttabile della Subculture.

Si tratta di una Limited Edition uscita per Natale 2017, quindi non disponibile sul sito Sephora, dove Anastasia Beverly Hills è arrivata molto dopo.

Quindi per il mio acquisto, ho scelto il sito americano Beautylish, con il quale mi sono trovata molto bene, poichè azzera il rischio dogana inserendo nel prezzo finale anche le tasse.

Tutto compreso, ho pagato la palette circa 49 euro, tanto quanto il prezzo italiano (centesimo più centesimo meno).

La Palette si presenta nel classico pack in velluto e contiene sia lo specchio che un pennello doppio, che non è affatto male.

Questa palette in edizione limitata contiene 14 tonalità intense e pigmentate, dai diversi finish che vanno dall’opaco al metallico, con una gradazione di colori che consentono di creare sia make up neutri che intensi.

  • LUCID: oro bianco con riflessi rosa e finish duochrome
  • EDEN: rosa corallo con finish ultra-opaco
  • UNITY: ocra nude con finish ultra-opaco
  • SPHYNX: bronzo caldo con finish metallico
  • OSIRIS: viola scuro con riflessi rossi e finish duochrome
  • SPHERE: verde elettrico giallo con finish ultra-opaco
  • OBSIDIANE: nero profondo con finish ultra-opaco
  • DIMENSION: grigio argento con riflessi rosa e finish duochrome
  • PARALLEL: tartufo caldo con un finish ultra-opaco
  • PYRAMID: oro giallo con riflessi verdi e finish metallico
  • THRONE: verde acqua/nero con riflessi multicolor e finish metallico
  • SATURN: terracotta con finish ultra-opaco
  • ETERNAL: rame viola con finish metallico
  • LURE: lilla grigio con finish ultra-opaco.

Questi sono gli swatches, alla luce naturale.

Ho cercato di carpire il più possibile i riflessi naturali dei colori duochrome con delle foto in macro, anche se dal vivo risultano ancora più vibranti.

Come si può vedere dalle immagini, la pigmentazione è estrema, per quasi tutti i colori.

Ecco alcune comparazioni con altri colori che a prima vista mi sono sembrati simili, ma che poi messi a confronto sono risultati tutt’altro che dupe.

Inutile dire che questa palette è stupenda!

I colori duochrome sono molto particolari e dalle comparazioni si capisce che non ho nulla di simile….

Hanno una durata pazzesca e non perdono intensità durante la giornata, inoltre la texture di alcuni ombretti metallici come SPHINX risulta quasi cremosa al tatto.

La grana di alcuni ombretti, come LUCID, appare grossolana, per questo è meglio applicarli picchiettandoli con il dito.

Infatti, se prelevato con il pennello il colore tende a perdersi.

I matte sono super pigmentati e sicuramente polverosi ma, una volta prelevati, non fanno molto fall out sull’occhio, in ogni caso io faccio la base viso sempre dopo il make up occhi per evitare pasticci.

Si sfumano alla perfezione e non fanno macchia.

Il colore più particolare di tutta la palette è senza dubbio Sphere, che può sembrare strano e difficile da usare, ma che ha una resa magnifica.

Ecco un make up in cui ho utilizzato SPHERE all’inizo dell’occhio.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da MuA Ossessioni Cosmetiche (@fede_grassia) in data:

Lucid è senza dubbio il colore più difficile tra tutti, sia da fotografare che da usare, impossibile da prelevare con il pennello… il mio preferito in assoluto è Throne.. penso parli da solo…

Sono davvero soddisfatta dell’acquisto e ho potuto constatare con mano l’ottima qualità degli ombretti Anastasia Beverly Hills.

11 Replies to “Palette PRISM Anastasia Beverly Hills | Recensione”

Lascia un Commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: